VisionOttica VisionOttica
DISTURBI DELLA VISTA

IPERMETROPIA

Ipermetropia

L’ipemetropia è un difetto che l’occhio può compensare naturalmente. Ma quando comincia a sentire la fatica, aiutalo.

Cos’è l’ipermetropia?

L’ipermetropia è un disturbo visivo che comporta problemi di visione da vicino, ma che coinvolge anche la visione da lontano. Si tratta di un difetto refrattivo dell’occhio, i cui sintomi possono essere spesso confusi con altri disturbi, come la presbiopia e l’astigmatismo. L’ipermetropia è determinata da una lunghezza del bulbo oculare inferiore al necessario. Un problema che può presentarsi già in età pediatrica e che l’occhio ipermetrope può riuscire a correggere naturalmente - ma solo entro certi limiti - grazie alla capacità di accomodazione.

L’ipemetropia è un difetto che l’occhio può compensare naturalmente. Ma quando comincia a sentire la fatica, aiutalo.

Come si manifesta?

L’ipermetropia è in genere di natura congenita, e si trasmette ereditariamente.
Ci sono ipermetropie lievi che non mostrano particolari sintomi. Soprattutto in giovane età, l’occhio riesce a correggere la messa a fuoco grazie al meccanismo di compensazione fisiologico che modifica la curvatura del cristallino. Ma quando la visione da vicino comincia a risultare sfocata e faticosa, è segno che l’occhio non è più in grado di farcela da solo.
In un soggetto ipermetrope l’occhio ha dimensioni più corte del normale, e la luce che passa attraverso le pupille viene messa a fuoco in una parte leggermente spostata dietro la retina. Può succederti così di non riuscire a distinguere correttamente i caratteri di un libro, mentre riesci senza difficoltà a leggere un cartellone pubblicitario a grande distanza.  è esattamente l’opposto di quello che succede con la miopia. E, come per la miopia, non vanno trascurati i segnali d’allarme. Mal di testa, bruciori, lacrimazione e affaticamento visivo, soprattutto durante la lettura, possono essere sintomi di un’ipermetropia che necessita di una correzione immediata.
E anche se nei bambini l’ipermetropia può arrivare a ridursi con lo sviluppo e la crescita del bulbo oculare, è tuttavia importante non trascurare nessun segnale, perché una forte ipermetropia presente nella fase di sviluppo può essere causa di altri disturbi, come l’ambliopia e lo strabismo.

Per correggere l’ipermetropia esistono diversi strumenti:

  • Occhiali correttivi

    Il mezzo più consueto per la correzione dell’ipermetropia è l’utilizzo di lenti positive (convergenti).

  • Lenti a contatto

    Consigliate fino dall’età adolescenziale, da alternarsi sempre all’uso di occhiali correttivi.

  • Chirurgia refrattiva

    Soluzione da valutare insieme al proprio medico oculista, in quanto soggetta a regressione nel tempo.

Thomas Grossi - VisionOttica Express - Mondragone (CE)

L’OTTICO OPTOMETRISTA RISPONDE: CHE DIFFERENZE CI SONO TRA PRESBIOPIA E IPERMETROPIA?

“Anche se possono dare gli stessi sintomi iniziali ed essere corretti dalle stesse tipologie di lenti, i due disturbi hanno cause molto diverse. La presbiopia è un processo fisiologico di invecchiamento dell’occhio, che insorge solo a partire da una certa età. Se hai più di 40 anni e inizi a constatare che non sei in grado di mettere a fuoco caratteri relativamente piccoli quando leggi, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione come al ristorante, soffri probabilmente di presbiopia.
Anche l’ipermetropia si presenta come una difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti da vicino, ma se inizi a riscontrare queste difficoltà prima dei 40 anni è possibile che tu sia ipermetrope. Entrambi i disturbi visivi sono ampiamente diffusi e facilmente correggibili: richiedono semplicemente diversi tipi di occhiali o di lenti a contatto”.

Thomas Grossi - VisionOttica Express - Mondragone (CE)

Prenota appuntamento nel centro ottico più vicino a te
Ribbon decoration

Potrebbe interessarti

Trova il VisionOttica più vicino a te